L’artista Giovanni Bellini vissuto nel Quattrocento tra cenni e origini.

Tra gli artisti che divennero famosi e che portarono con i loro meravigliosi lavori artistici la nostra pittura italiana a dei livelli di assoluta eccellenza dobbiamo sicuramente citare anche Giovanni Bellini, un grande pittore italiano del Quattrocento.

Leggi con un clic sul nome l’articolo completo sul sito di Arte semplice e poi

L’opera conosciuta nel mondo semplicemente con il titolo di San Sebastiano realizzata dal grande maestro Andrea Mantegna (1431 – 1506) è considerata insieme ad altri grandi lavori artistici come uno dei capolavori assoluti prodotti in Italia da quei eccellenti e innovativi artisti della pittura durante tutto il secolo Quattrocento.

san sebastiano,andrea mantegna,pittura del quattrocento,arte del quattrocento,louvre

Il San Sebastiano del Mantegna del Museo del Louvre di Parigi – breve descrizione.

L’opera del San Sebastiano che vediamo qui sopra in una immagine è quella sicuramente più celebre e conosciuta nel mondo dell’arte che il grande pittore Andrea Mantegna realizzò e che oggi possiamo ammirare andando a vederla nel Museo del Louvre di Parigi. Si Conoscono infatti oltre il San Sebastiano del Louvre altre due bellissime opere dipinte sempre dal Mantegna in anni diversi della sua vita e che hanno tutte il medesimo e straziante tema religioso sul Santo e il suo martirio oltre che una simile composizione e pose. Per quanto riguarda il capolavoro del Louvre è stata realizzata in un periodo che va dal 1481 al 1485 circa, quindi in un momento dell’artista che viene considerato già maturo, mentre si trovava in soggiorno presso l’importante città di Mantova. Andrea Mantegna si trasferì intorno all’anno 1460 presso Mantova su invito del potente Marchese Ludovico di Gonzaga dove lavorò e realizzò quelle che sono le sue più belle opere d’arte. La tecnica usata per realizzare il San Sebastiano del Louvre è quella dei colori a tempera su un supporto in tela rettangolare di dimensioni abbastanza grandi. La sua altezza è di circa 257 centimetri mentre la sua larghezza è di 142 centimetri. In questa bellissima opera notiamo il Santo che è stato legato presso una antica colonna romana ormai in rovina. Infatti notiamo che il martirio del Santo avviene tra quelle che sembrano delle antiche rovine di architetture classiche, forse visto che si intravede ciò che rimane di un arco di trionfo e un capitello potrebbe essere un vecchio e imponente monumento onorario. Si intravedono anche dei resti di un piede di quella che doveva essere una statua in origine. Andrea Mantegna oltre a essere un grande artista era anche un grande estimatore e un ottimo conoscitore dell’architettura e della scultura classica. Questa sua bella passione si intravede in alcune sue importanti opere pittoriche, spesso ricche di piccoli e perfetti dettagli architettonici e prospettici. Nel dipinto San Sebastiano viene raffigurato dal Mantegna con una grande plasticità che lo fa sembrare come una statua romana. Viene descritto con una grande tensione espressiva, quasi come fosse un bellissimo eroe classico dopo essere stato trafitto in varie parti del corpo da numerose frecce e nel momento più drammatico in cui tra mille dolori le forze lo abbandonano. la visuale prospettica coglie dal basso verso l’alto questa tragica scena del Santo, con il torace e il viso illuminati da una luce che sembra creare dei bagliori capaci di accentuare tutti i volumi. In basso in un angolino a destra il Mantegna ha raffigurato due uomini con arco e frecce. I due sono quelli che hanno tirato le frecce al Santo portandolo al martirio. Sembra quasi che il Mantegna voglia togliere questi due uomini dalla scena e dallo spazio del dipinto, dipingendoli quasi come se dovessero quasi scomparire. Qualcuno afferma che questa scelta sia dovuta all’allusione della continuità di questa storia anche nel presente.

Continua con Il San Sebastiano di Vienna e quello di Venezia

Qui sotto vediamo le altre bellissime due opere con il tema del San Sebastiano attribuite con una quasi certezza all’artista italiano del Quattrocento Andrea Mantegna.

san sebastiano,andrea mantegna,pittura del quattrocento,arte del quattrocento,louvre

Quella che vediamo qui sopra è stata realizzata da un Mantegna giovane, intorno agli anni 1456-57 o poco prima che l’artista partisse da Padova per la città di Mantova. Quest’opera che presenta anche una scritta in greco che tradotta significa “opera di Andrea”, quindi attribuita quasi con certezza al Mantegna è stata realizzata con dei colori a tempera su un supporto in legno di dimensioni 68 per 30 centimetri. Oggi è conservata presso il Kunsthistorisches Museum di Vienna. Vediamo come l’impostazione della scena con San Sebastiano è simile a quella del Museo Louvre. Una piccola curiosità è rappresentata dalla strana nuvola in alto a sinistra che assomiglia ad un cavaliere a cavallo.

san sebastiano,andrea mantegna,pittura del quattrocento,arte del quattrocento,louvre

Il San Sebastiano che vediamo qui in alto invece è un dipinto conservato presso la Galleria Franchetti nella città meravigliosa città di Venezia. Quest’opera è stata identificata insieme ad altre opere importanti e straordinarie che sono state trovate nella bottega del maestro Mantegna nel 1506, subito dopo la sua morte. 

 

Il Duomo di Monreale che possiamo visitare e ammirare presso la bellissima località siciliana vicino alla città di Palermo è considerato da tutti uno straordinario capolavoro di arte e di architettura, oltre che un prezioso esempio dell’arte Romanica nell’Italia Meridionale con il suo stile Arabo-Normanno. Sotto vediamo una immagine della stupenda facciata del Duomo di Monreale.

duomo di monreale,arte romanica,arte arabo-normanna,architettura romanica,arte in sicilia,la creazione dei pesci e degli uccelli,mosaico

La costruzione di questo Duomo è molto antica, infatti sembra risalire addirittura all’anno 1172 cioè quando in Sicilia il re normanno Guglielmo II d’Altavilla ordinò ai suoi architetti la costruzione di una nuova Chiesa all’interno di quello che in quell’epoca era un meraviglioso bosco con un verde parco adibito soprattutto per lo sport della caccia per tutta la famiglia reale e la sua corte. Nelle vicinanze del Duomo di Monreale che venne finito intorno all’anno 1185, dopo circa 13 anni di intensi lavori si trovava anche una Abbazia benedettina e il Palazzo reale dove viveva il re, di cui purtroppo ora non è rimasto nulla.

duomo di monreale,arte romanica,arte arabo-normanna,architettura romanica,arte in sicilia,la creazione dei pesci e degli uccelli,mosaicoAll’interno del Duomo si trova un manto musivo che ricopre le pareti e che ha come dimensioni la bellezza di circa 10000 metri quadrati. Lungo le pareti delle navate, su due fasce e su un fondo di color oro e molto luminoso sono narrate delle sacre scene, con episodi religiosi divisi da intrecci che hanno dei motivi geometrici. Queste bellissime opere sono degli episodi tratti dal Vecchio e dal Nuovo Testamento. Al centro e in alto sul catino absidale possiamo vedere nella sua magnifica grandezza un ritratto del Cristo benedicente, come vediamo nell’immagine a lato. Questo ritratto ha una grande forza espressiva e affascina i numerosi turisti che ogni anno vengono a visitare questa meravigliosa Casa del Signore. All’esterno del Duomo di Monreale possiamo vedere altre belle decorazioni geometriche come quelle dell’abside (immagine sotto). Queste sono realizzate con delle tarsie in marmo aventi più di un colore. Vediamo delle sequenze di archi ogivali intrecciati dove si dispongono delle fasce aventi delle figure prettamente geometriche con dei disegni vari.

duomo di monreale,arte romanica,arte arabo-normanna,architettura romanica,arte in sicilia,la creazione dei pesci e degli uccelli,mosaico

La scena con La creazione dei pesci e degli uccelli nei mosaici all’interno del Duomo di Monreale.

duomo di monreale,arte romanica,arte arabo-normanna,architettura romanica,arte in sicilia,la creazione dei pesci e degli uccelli,mosaicoTra le tante e bellissime decorazioni interne delle pareti del Duomo di Monreale, realizzate con la tipica tecnica del mosaico molto usata in quell’epoca da abili e bravissimi artisti arabi vediamo per esempio nell’immagine qui a lato il particolare che raffigura La creazione dei pesci e degli uccelli. Quest’opera ritrae l’episodio biblico in cui Dio crea sulla Terra i pesci e gli uccelli. Possiamo notare come Dio raffigurato in posizione seduta e avvolto da un abito color oro-azzurro con un semplice gesto della sua mano, da la vita per la prima volta a tutti gli esseri che popoleranno sia l’acqua che il cielo. Il mare azzurro viene raffigurato da semplici linee ondulate bianche. Quest’opera ci mostra anche come possano coesistere alcune caratteristiche e degli stili figurativi diversi tra di loro. Per esempio quello bizantino è riconoscibile nella linea usata, molto morbida oltre che nel gusto raffinato dei colori usati. Questo stile si confronta per esempio con degli elementi tipici dell’occidente. Questi sono la figura di Dio che anche se collocata entro un paesaggio essenziale è posta nello spazio con scioltezza dei movimenti. Vediamo anche nell’opera come gli animali sono resi con ricchi dettagli e perfetti particolari, al punto che possiamo benissimo capirne di quale specie si tratta. Per esempio riconosciamo subito il pavone con la lunga coda e altri tipi di uccelli realmente esistenti.

L’opera conosciuta come il Discobolo di Mirone è uno dei più celebri esempi della straordinaria scultura definita classica dell’antica civiltà della Grecia.

In esso noi ammiriamo uno stupendo capolavoro che fu realizzato intorno all’anno 450 a. C. da uno dei grandi scultori del passato.

Per poter leggere tutto l’articolo cliccate sul nome sopra per andare sul sito dove sto trasferendo tutti il mio materiale sull’arte. Grazie