Vincent Van Gogh Camera da letto.JPGGli esperti che lavorano con Google che come ormai sappiamo è il più celebre motore di ricerca su internet ne hanno pensata un altra delle loro ottime novità da portare in rete. Questa si chiama Art Project ed è una applicazione tutta nuova che farà sognare i numerosi appassionati di Arte (Andate a provarlo cliccando sul nome).

Per chi non ha la possibilità o il tempo per viaggiare “fisicamente” per andare ad ammirare gli stupendi capolavori artistici che troviamo nei vari e famosi Musei del mondo può fare una visita a questo sito ideato da Google.

Qui possiamo viaggiare “virtualmente” all’interno di molti Musei come il MoMa, gli Uffizi di Firenze, la National Gallery di Londra etc. (via via ne verranno inseriti degli altri) come se fossimo davvero li presenti e vedere tutte le opere che espongono con immagini in alta definizione e molto suggestive.

Io da semplice appassionato di arte ho voluto provare Art Project di Google e devo dire che sono rimasto molto contento. Si può girare per le Sale all’interno dei Musei avvicinarsi ad un opera d’arte e ammirarla ingrandendola di molto, sino a notare tutti i più piccoli particolari e i dettagli che spesso possono sfuggire guardando una semplice immagine su internet. Questo avviene perché le immagini inserite su Art Project sono altamente definite e in 3D. Per fare un piccolo esempio in un quadro di Van Gogh, intitolato La camera da letto se si ingrandisce un particolare dell’opera sembra quasi di poter toccare la “corposità” del colore steso dall’artista olandese sulla tela, quasi che si possa sentirne anche l’odore talmente le immagini sono ben definite e realistiche. Vi è quasi l’impressione che il quadro originale stia davanti a Noi.

È sicuramente una bella esperienza per tutti quelli che amano l’arte e la pittura e che magari vanno a caccia dei dettagli o dei particolari in un opera. Andatelo a provare subito.

Facciamo un giro virtuale nei Musei più famosi con Art Project di Googleultima modifica: 2011-02-10T14:21:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Post Navigation