Leonardo La Gioconda dritta.jpgA volte mi piace perdermi nei miei pensieri e inizio a farmi delle domande spesso stupide ma altre molto più serie e misteriose alle quali non riesco assolutamente a darmi una risposta. Per esempio una di queste mie domande è ma l’arte che cosa è? Che definizione possiamo dare a questa bella parola così piccola e astratta ma così importante per l’uomo?

Poi penso a quanti importanti uomini tra i filosofi, gli stessi artisti o grandi intelettuali nella nostra società hanno cercato di dare risposta a ciò, sin dall’antichità sino ai nostri giorni. Risposte che però non sono state sempre così efficaci e precise anzi hanno trovato spesso dei disaccordi tra di loro esperti e causato magari ulteriori dubbi.

Spesso si sente dire magari per semplificare il tutto che l’arte è tutto ciò che è bello. Beh diciamo che questo potrebbe andare bene in linea generale ma noi ci chiediamo a questo punto chi può decidere cosa è bello e cosa non lo è? Il grande poeta Giacomo Leopardi parlando del rapporto tra arte e bellezza amava affermare che “il bello fa stomaco (cioè ripugna) alle arti”.

In passato alcune persone hanno definito che l’Arte è una riproduzione fedele della Natura proposta dagli artisti nelle loro opere. Queste persone però oggi non parlerebbero più così, visto che con la nuova tecnologia e con videocamere e macchine fotografiche sempre più moderne e “perfette” riusciamo, chiunque di noi a “riprodurre” la realtà e la natura “quasi” perfettamente e quindi rientreremmo anche noi gente “normale” nella definizione di artisti come affermato da quelle persone del passato. Ma per questo noi semplici fotografi sicuramente non ci riteniamo certo degli “artisti” o che facciamo “Arte”.

Penso anche a chi ha detto che la vera Arte è quella capace di coinvolgere emotivamente chi la osserva. Anche questo sembra molto giusto ma se pensiamo che le emozioni sono spesso soggettive e diverse da persona a persona notiamo che anche questa risposta non può essere assoluta e molto precisa.

Insomma è davvero molto difficile trovare qualcosa che sia comune e che calzi perfettamente nel definire la parola arte. E mi chiedo se forse è proprio questa la giusta risposta e cioè che l’arte non può essere definita, ristretta o ingabbiata con semplici parole. L’arte è un mistero meraviglioso, può essere il tutto e il niente, il sogno e la realtà, il male ed il bene, il brutto e il bello.

arte informale 9.jpgl’arte siamo noi stessi, esseri umani con la nostra storia, le nostre emozioni e i nostri desideri. Noi se vogliamo facciamo diventare arte un semplice e inutile oggetto, trovando sempre una parola giusta per descriverlo, per lanciarlo nell’Olimpo e nella gloria. Usando magari parole grosse come concetto, comunicazione, bellezza ideale, linguaggio artistico, allegoria e tanto altro.

Se pensiamo che vengono considerate Arte (e spesso con valori economici assurdi) anche opere come quelle di Lucio Fontana (vedi a lato Concetto spaziale) che magari alcuni di noi trovano incomprensibili, inspiegabili se non addirittura brutte, con quei “semplici tagli” fatti nelle tele, eppure. Arte è anche il mettere una ruota di bicicletta su di uno sgabello (vediamo sotto l’opera di Marcel Duchamp del 1913) o magari esporre al pubblico un WC in un grande Museo e renderlo immortale.

dadaismo 1.jpg

 

Molti si chiedono per esempio cosa possono avere in comune artisticamente queste opere nominate sopra e La Gioconda quel meraviglioso capolavoro di Leonardo da Vinci (vediamo in alto) o ancora lo straordinario capolavoro di scultura il David di Michelangelo (vediamo sotto). La risposta forse è il termine “indefinibile” di Arte.

Il David di Michelangelo.JPG

 

 

Io penso quindi che non si potrà mai dare una definizione generale e assoluta per il termine “arte”, ma che ognuno di noi con i nostri difetti ed i nostri pregi, attraverso la realtà e la fantasia e soprattutto con i nostri personali sentimenti, può fare propria e far diventare un tesoro unico. Tesoro unico e raro che noi italiani con grande orgoglio custodiamo nel nostro meraviglioso e prezioso scrigno che si chiama Italia.

Come sempre vi ringrazio di cuore per la vostra partecipazione agli articoli del sito e spero di poter leggere anche una vostra personale opinione o un vostro semplice commento in merito a quello detto in questo breve articolo, oltre che invitare tutti a leggere quelli lasciati da altri appassionati che sono spesso molto interessanti. 

 

Ma che cosa è L’ ARTE veramente? – pensieri e domande che ci poniamo spessoultima modifica: 2011-02-03T12:35:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

6 Thoughts on “Ma che cosa è L’ ARTE veramente? – pensieri e domande che ci poniamo spesso

  1. di passaggio ..per augurarti un sereno e lieto fine settimana!!!!!!!!

  2. Anche io mi sto chiedendo da lungo tempo che cosa sia l’arte e sono arrivato a una conclusione (non definitiva) quasi identica alla Sua: L’opera d’arte è quella che ti comunica una emozione.
    Per dirla in sintesi, è una forma di comunicazione di emozioni.
    Mi viene il dubbio che le opere da Lei citate (di Lucio Fontana e di Marcel Duchamp) siano dei falsi miti costruiti ad arte da parte di persone interessate soprattutto alle quotazioni economiche delle suddette opere.
    E’ da tempo che sto pensando a queste cose e penso sia ora di ragionare con la propria testa e dire che il re è nudo.
    Le faccio i complimenti per quello che scrive nel Suo blog.
    Lorenzo Gasparini.

  3. Un Grazie come sempre per Pia e soprattutto un grazie a Lorenzo con cui mi scuso anche se ha trovato qualche problema per mandare il commento, ma ultimamente la piattaforma di myblog ha avuto grossi problemi tecnici (risolti sembra del tutto).
    Lorenzo il Tuo pensiero è ottimo e sono d’accordo con Te.
    A presto ci sentiamo sulla rete.

  4. Leggo solo oggi questo articolo,ma rispondo con alcune cose che ho trovate proprio oggi in un libro:”le opere d’arte d’una originalità troppo indipendente, d’una esecuzione troppo ardita, offendono gli occhi della nostra società borghese, il cui spirito ristretto non può abbracciare le vaste concezioni del genio…….L’opinione marcia terra terra; tutto ciò che è troppo vasto, tutto ciò che si eleva al di sopra di essa le sfugge”. Quello che ho riportato appartiene ad un’articolo scritto sul National da Decamps a Marzo del 1838. Mi sembra così buffo che ancora oggi siamo quì a discutere su cosa è o non è arte; credo che lo sia tutto ciò che provoca emozione e che sia però creato dalla mente umana o il campo diventa troppo vasto?

  5. Ringrazio e saluto sia Giorgia che Maurizia per i loro interventi e approfitto anche col dire che chiunque può scrivere un articolo o un pensiero che parli di arte spedendolo tramite l’email che trovate su nei contatti. Noi saremo felici di farlo pubblicare in questo sito a vostro nome, grazie.

Lascia un commento

Post Navigation